Riders: spiragli di tutela per questi “liberi professionisti”?